Quanto vale l’oro usato nel 2022? La risposta è sconvolgente

I prezzi dell’oro hanno raggiunto livelli importanti al di sopra di $ 1.900 l’oncia negli ultimi 12 mesi, un risultato supportato dalle preoccupazioni per l’inflazione negli Stati Uniti. Tuttavia, l’asset rifugio ha anche registrato numerosi cali di prezzo nel 2021, con la maggior parte degli analisti che ha espresso un parere negativo sulla continuazione del trend rialzista nel 2022. La prima linea dell’impennata attesa dagli esperti di recente si è rafforzata. I metalli preziosi nei prossimi trimestri e nel 2023 continueranno ad essere ribassisti. Questo scenario sarà favorito dalla strategia della banca centrale, mentre il possibile impatto della pandemia sui metalli è ancora allo studio.

Prezzo dell’oro: i livelli attesi nel 2022

Secondo le previsioni, l’oro potrebbe perdere il 16% del suo valore attuale nel 2022, quindi i rendimenti sarebbero compresi tra $ 1.500 e $ 1.550 l’oncia. Il sentimento ribassista del mercato deriva da una performance deludente a novembre: i futures sull’oro sono stati scambiati al di sotto di $ 1.800 e la ripresa delle ultime settimane non è considerata sufficiente per sostenere il metallo a medio termine. UBS ha affermato di ritenere che il valore di un’oncia d’oro non avrebbe superato i $ 1.650 entro dicembre 2022, ma non ha influito sulla possibilità di rivedere tali previsioni durante l’anno. Secondo ulteriori previsioni, l’oro potrebbe continuare a scendere anche nel primo trimestre del 2023, con un target di prezzo previsto di circa 1.450 dollari l’oncia, ma non si può escludere un calo dei valori delle materie prime. 1.300.

Cosa potrebbe frenare l’oro nel 2022?

L’ostacolo principale per l’oro il prossimo anno è la politica monetaria della Federal Reserve e di altre banche centrali, che sembrano tendere a frenare l’inflazione attraverso la manipolazione dei tassi di interesse. Come ha affermato il presidente della Federal Reserve Jerome H. Powell, i tassi di interesse statunitensi triplicheranno nel 2022, a seconda del livello degli aumenti dei prezzi. Per ora, la Fed non rinuncia alle sue opzioni, anche se la ripresa economica degli Stati Uniti dovrebbe rallentare nei prossimi mesi. L’intervento della Fed farà aumentare nel tempo i rendimenti obbligazionari e il dollaro USA e questi fattori influenzeranno negativamente il prezzo del metallo prezioso.

Gli esperti ritengono che anche la Banca centrale europea, la Banca nazionale svizzera, la Bank of Japan e la Reserve Bank of Australia sceglieranno di inasprire la politica monetaria in futuro, anche se con un leggero ritardo rispetto alla Fed. Nel Regno Unito, tuttavia, il governatore della Banca d’Inghilterra Andrew Bailey ha ordinato un aumento dei tassi due settimane fa.

Non è chiaro quale impatto avrà la pandemia sui prezzi dell’oro. Mentre la maggior parte degli analisti ritiene che la diffusione della variante Omicron rappresenti una minaccia per il petrolio, non è chiaro se il nuovo ceppo SARS-CoV-2 contribuirà all’affondamento dell’oro. Molti analisti ritengono che a breve termine i trader possano concentrarsi sul metallo per ogni evenienza, ma a lungo termine un aumento dei tassi avrà un impatto più duraturo rispetto alla pandemia di Covid-19.