Bonifici bancari, attenzione ai nuovi limiti: ecco cosa può accadere

    63
    Bonifici bancari bonifico bonifico segnalato

    Spesso ci chiediamo se l’importo massimo pagato tramite bonifico bancario sia lo stesso del cambio di cassa previsto, che dal 1 gennaio 2022 sarà captato a 1.000,00 euro.

    In effetti, c’è una netta differenza tra le due modalità di cambio valuta: a quanto pare, i pagamenti in contanti non possono essere tracciati dallo stato, quindi è facile utilizzare il sistema per aggirare il trasferimento di denaro da una persona all’altra, indipendentemente dal situazione attuale. motivo della transazione. Tuttavia, con i bonifici si tratta in realtà di pagamenti tracciabili, quindi è impossibile nascondere la transazione agli occhi del fisco, indipendentemente dall’importo. Di questi è fissata una soglia limite giornaliera.

    Importo massimo per bonifico bancario: limiti legali

    Come previsto, non esiste un limite legale per i pagamenti tramite bonifico bancario. Per contro, quale strumento per consentire la tracciabilità degli atti, tutelando così le parti da eventuali contenziosi con l’erario, non vi è motivo di fissare una soglia massima.

    Ovviamente, trattandosi di un pagamento retroattivo, è bene sapere che anche l’ufficio delle imposte potrà valutarne il contenuto. Quest’ultimo, infatti, potrà verificare le transazioni accedendo ad un cosiddetto “file di rendicontazione finanziaria”, che è la parte dell’anagrafe dove tali informazioni vengono riportate. Ad esempio, a seconda della natura del cambio indicata nella descrizione, l’Agenzia delle Entrate potrà verificare l’importo ricevuto, e quindi verificato dal beneficiario di tale importo, se è stato indicato in dichiarazione dei redditi.

    Trasferimenti da e per l’estero e limiti fissati dalle banche

    La situazione è leggermente diversa quando si tratta di bonifici da o verso conti situati al di fuori dell’area SEPA. Per quanto riguarda i bonifici su conti esteri si possono operare gratuitamente fino a 12.500 euro, per importi superiori è necessario compilare il CVS o Newsletter Statistical Currency. Tuttavia, per i bonifici da conti esteri a conti italiani, se l’importo del bonifico supera i 15.000 euro, l’operazione deve essere denunciata all’Agenzia delle Entrate.

    Tornando ai bonifici SEPA, c’è da aggiungere una cosa: è vero che la legge non impone alcun vincolo, ma le singole banche possono fissare le proprie soglie, ma anche consentire ai clienti di fissare un importo massimo per i bonifici personalizzati. Ad esempio, una determinata banca fissa un limite cumulativo giornaliero fino a 25.000 euro per i bonifici italiani; la stessa cifra rappresenta la soglia cumulativa per i bonifici all’estero, ma non può superare i 5.000 euro per operazione. Tuttavia, i clienti possono impostare limiti personalizzati attraverso la sezione sicura del proprio banking online.