Attenzione, ecco il metodo infallibile per proteggere il tuo conto in banca

    46
    banconote euro €20 sterline euro

    La tecnologia è ormai diventata parte integrante della nostra vita. Utilizziamo i nostri computer, tablet e smartphone ogni giorno per capire cosa succede intorno a noi, per rimanere in contatto con i nostri amici, ma soprattutto per gestire e rivedere i conti correnti.

    Il mondo virtuale, come il mondo reale, non è privo di insidie.
    Chiunque può aprire allegati infetti, utilizzare codici utente e password facili da indovinare, perdere un computer o uno smartphone, diffondere inavvertitamente informazioni riservate attraverso i social network, rispondere a e-mail fraudolente.

    In questo articolo, vogliamo darti alcuni suggerimenti per identificare le principali frodi informatiche e suggerimenti utili per proteggerti.

    polizza rc auto

    Identificare i tentativi di frode online è fondamentale per fermarli

    I truffatori possono ottenere dati riservati (come codici utente, password) in diversi modi per gestire conti correnti o utilizzare carte di pagamento. Ecco le tecniche più popolari e alcuni avvertimenti:

    Email/SMS fraudolenti (phishing, SMS)

    E’ una delle tecniche più utilizzate progettata per sottrarre dati riservati dei clienti attraverso comunicazioni digitali false (e-mail, messaggi di testo o social network) che imitano le comunicazioni bancarie ufficiali e portano effettivamente a siti Web falsi.

    Lo spoofing, invece, è un attacco informatico che utilizza identità bancarie false (spoofing) in vari modi, ad esempio dal mittente di un’e-mail o di un numero di telefono, per sottrarre informazioni importanti (come l’accesso ai conti bancari).

    Consigli

    Identifica comunicazioni false: presta sempre molta attenzione al mittente e al contenuto, spesso il testo è illeggibile e/o presenta evidenti errori di ortografia. Non cliccare su link sospetti, non scaricare allegati, non cliccare su richieste di rimozione dagli elenchi dei destinatari
    Non inserire i dati personali richiesti.
    Nessun personale di Banca Etica ti chiederà mai il tuo PIN, il codice di sicurezza OTP (One Time Password) tramite email, telefono, sms o altri canali o per effettuare transazioni direttamente sul tuo conto corrente tramite la tua Area Clienti.
    Se i tuoi dati personali vengono forniti per errore, devi presentare un reclamo e contattare la banca per avvisarti dell’incidente. Durante la chiamata, la banca cerca di farti comunicare a voce le credenziali dell’online banking.

    Ricorda che le banche non chiederanno mai le tue informazioni personali (il PIN della tua carta di credito o di debito o la password dell’online banking) per telefono.
    Scambio di Sim
    I truffatori falsificano documenti e chiedono agli operatori telefonici nuove schede SIM, adducendo smarrimento o danneggiamento. In questo modo è in grado di ricevere i codici contenuti negli sms protetti inviati dalle banche.

    Fai attenzione a non lasciare i tuoi dati personali online o sui social network, che possono essere utilizzati per falsificare i documenti necessari per richiedere una nuova SIM. Se il tuo numero smette di funzionare, contatta immediatamente il tuo operatore telefonico (TIM, Vodafone, ecc.) e contatta la tua filiale.