Cosa rischio con i bonifici online? Ecco la risposta sconvolgente

    41
    Bonifici bancari bonifico bonifico segnalato

    Per coloro che non hanno nulla da nascondere, i bonifici bancari sono il modo più semplice e sicuro per trasferire fondi da un conto all’altro. Il cambio di denaro è praticamente irreperibile ed è difficile provare l’adempimento di un’obbligazione senza ricevuta o ricevuta. Tuttavia, anche i trasferimenti possono comportare dei rischi: il rischio è determinato dalla trasparenza dell’operazione nei confronti del fisco e dei creditori. I bonifici possono essere pignorati, revocati e possono dare luogo ad accertamenti fiscali, anche in presenza di un intervento tra marito e moglie.

    I bonifici bancari sono controllati

    Le transazioni sul conto corrente sono registrate dalla banca e comunicate all’ufficio delle imposte. I dati sono archiviati nel cervello, l’Anagrafe Relazioni Finanziarie (che fa parte dell’Anagrafe Tributaria), possono essere contattati in qualsiasi momento dall’Agenzia delle Entrate per verificare che il deposito bancario o postale corrisponda al reddito annuo dichiarato. Non solo i pagamenti in contanti, i trasferimenti e i trasferimenti sono in definitiva sotto controllo, ma il risparmio è troppo rispetto al reddito. Pertanto, ogni trasferimento deve essere giustificato. Pertanto, può essere compenso per attività lavorative (in tal caso deve essere fatturato o segnalato in 730), corrispettivo di locazione (in tal caso il contratto deve essere registrato), regalo, prestito o rimborso del prestito. Tuttavia, i contribuenti devono sempre dimostrare la natura e la fonte dei pagamenti ricevuti. Quindi, ad esempio, per provare che il denaro è stato ricevuto in donazione, sarebbe necessaria una copia cartacea del contratto con la data attestata da un pubblico ufficiale (notaio o anagrafe). Parimenti, i bonifici ricevuti a titolo di vincita di gioco o danni devono trovare conferma della loro natura in un atto scritto. La motivazione in sé non è sufficiente a giustificare il tipo di rapporto tra le due parti, trattandosi di un’affermazione unilaterale suscettibile di modifica. Anni dalla data di presentazione della dichiarazione dei redditi, se lo ritiene possibile avviare un’istruttoria l’importo non è stato dichiarato.

    Bonifici tra coniugi

    Anche i trasferimenti continui e regolari tra coniugi possono destare sospetti dalle autorità fiscali. Ad esempio, non è raro che un marito imprenditore apra un conto corrente a favore della moglie per trasferire un reddito illecito, oppure suddivida il reddito di uno dei coniugi tra due persone al fine di ridurre l’aliquota dell’imposta sul reddito delle persone fisiche. Due. Una recente decisione della Corte di Cassazione spiega come e quando verranno effettuati i controlli sul conto corrente del coniuge, e quali provvedimenti si aspettano d’ora in poi dall’Agenzia delle Entrate.

    I contribuenti possono prendere il controllo del conto corrente del coniuge del contribuente se ci sono segnali gravi. Tuttavia, quest’ultima iscrizione deve essere fittizia e il rapporto bancario deve essere attribuito all’altro coniuge. Ad esempio, la responsabilità di provare l’unica registrazione ufficiale del conto alla moglie spetta all’ufficio delle imposte, che è il reddito percepito dal marito.