Questi libretti postali valgono una fortuna: ecco quali cercare

    26
    libretti postali

    Anche nell’affollato mondo dei pagamenti digitali come quello odierno i libretti postali rappresentano una soluzione decisamente comune ed apprezzata, pur non costituendo quella più “avanzata” dal punto di vista tecnologico. Pochi sanno che questa forma “depotenziata” dei libretti di risparmio tradizionali risale addirittura al 19° secolo, anche se la vera diffusione ha iniziato a palesarsi a partire dalla seconda metà del 20° secolo.

    Strumenti “popolari”

    Tra i fattori che contribuiscono a renderli ancora molto popolari spiccano i costi, che sono praticamente nulli in fase di utilizzo ma anche di apertura e chiusura del libretto, che può essere “controllato” recandosi presso un ufficio postale oppure nel caso della variante Smart, anche attraverso l’app Banco Posta, disponibile per smartphone e tablet. I costi fissi sono relativi all’imposta di bollo, una sorta di “tassa” che corrisponde a 34.20 euro all’anno per le giacenze medie superiori a 5000 euro. I libretti postali risultano “controllati” dalla Cassa depositi e prestiti e garantiti dallo stato italiano. Possono essere fonte di “guadagno” inaspettato?

    Questi libretti postali valgono una fortuna: ecco quali cercare

    La risposta è si, perchè trattandosi di uno strumento molto comune, viene “dimenticato”, anche perchè non comporta costi e condizioni da tenere d’occhio. Categorie come i pensionati ne fanno largo uso, sopratutto perchè sono utilizzati per “depositare” la pensione mensile.

    I libretti sono comunque soggetti al “congelamento”, stato che subentra quando non sono movimentati per almeno 10 anni e hanno almeno 100 euro di saldo attivo. Il prossimo 21 giugno 2022 tutti i libretti dormienti, (riscontrabili presso questo indirizzo messo a disposizione da Poste Italiane) saranno soggetti a chiusura definitiva e il denaro precedentemente presente sugli stessi sarà depositato su un fondo Consap come da accordi. E’ comunque possibile ottenere “indietro” i soldi attraverso una comunicazione scritta. Se si conosce qualcuno che potrebbe aver dimenticato di movimentare un vecchio libretto, è il momento giusto per metterlo al corrente.

    libretti postali