La moneta che vale quanto una casa: ecco di quale stiamo parlando

    28
    moneta belga errore conio 100 lire timone ape

    “L’invenzione” della moneta dal punto di vista “fisico” prima che concettuale ha rappresentato un enorme passo in avanti nei contesti economici: in precedenza infatti gli scambi commerciali e l’acquisto dei beni era effettuato principalmente da elementi come il baratto, quando non era stata ancora concepita una valuta fissa. Fin da quando il denaro è stato concepito come un “vantaggio” per le nazioni, queste hanno provveduto a sviluppare degli istituti appositi per lo sviluppo delle monete che da sempre rappresentano anche fonte di interesse storico. Anche chi non è appassionatoo di numismatica in fondo spera di scoprire una moneta che potrebbe arricchirlo, fino a farlo diventare ricco. Può una moneta valere come una casa?

    Emissioni di valore

    Sicuramente si, bisogna tenere conto però che i fattori che fanno lievitare la valutazione sono molteplici: in primis c’è la rarità, ossia la disponibilità vera e propria, meno esemplari esistono di una moneta, maggiore sarà la richiesta. Poi c’è il fattore condizioni, ossia lo stato di conservazione di un esemplare che spesso fa “cadere a picco” la valutazione a fronte di condizioni scarse. In ultimo, la banale legge del mercato, determinata dalla richiesta, e qui subentra anche il fattore storico/culturale.

    La moneta che vale quanto una casa: ecco di quale stiamo parlando

    Tra le monete italiane più rare e “danarose” non può che esserci una versione particolare della 5 lire, ma non quella relativamente recente, appartenente al dopoguerra, ma una che ha più di 120 anni, risalente quindi al periodo in cui l’Italia era una monarchia. In particolare facciamo riferimento alla 5 lire del 1901, coniata in pochissimi esemplari (le stime parlano di poco più di 100), completamente in argento e soprannominata Aquila Sabauda, per via dell’aquila che reca sul petto il simbolo di casa Savoia. L’altro lato è invece contraddistinto dal volto di Vittorio Emanuele III, ai tempi appena “salito al trono”.

    L’emissione è rarissima e rappresenta un “feticcio” per i collezionisti:  un esemplare in buone condizioni vale più di 13 mila euro ma una moneta in Fior di Conio, ossia migliori condizioni possibili può essere venduta per oltre 100.000 euro.

    5 lire 1901