Conto in banca, qual è il limite da non superare? “Attenzione”

    37
    conto in banca Conto limite corrente

    Il conto in banca per definizione rappresenta un diffuso strumento utile per gestire e “conservare” il proprio denaro, che può essere prelevato, aggiunto (tramite ad esempio un versamento o un bonifico) ma anche utilizzato per altre azioni. Oggi sono molte le persone a possedere uno o addirittura più conti in quanto l’ordinamento europeo legato al contesto economico non “penalizza” l’uso di questo strumento, anzi viene considerato sicuro proprio perchè agisce in modo completamente telematico e quindi “tracciabile”. Esistono ovviamente dei limiti messi a punto nella maggior parte dei casi dallo stato oppure dalle banche stesse. Quali sono quelli che è meglio non superare?

    Conto in banca, qual è il limite da non superare? “Attenzione”

    Dipende ovviamente dal contesto: abbiamo già tratto quello legato ai contanti, vero e proprio “pomo della discordia” per numerosi stati come quelli europei che da anni adottano politiche per un minore utilizzo del denaro fisico. Se non esistono effettivi limiti legati all’importo di contante che è possibile depositare sul proprio conto, diversa la situazione per quanto riguarda i già citati prelievi: se sono quasi sempre le banche a sviluppare dei limiti di prelievo giornalieri, in senso generico l’unità anti riciclaggio è solitamente pronta ad “attivarsi” solo se risultano prelievi superiori ai 10 mila euro al mese.

    Non esistono vere soglie per quanto riguarda il denaro che è possibile “mantenere” sul proprio conto in banca: il fondo interbancario “tutela” fondi fino a 100 mila euro in caso di fallimento di una banca o di un gruppo bancario, mentre per quanto riguarda i costi questi sono “dipendenti” dal tipo di conto. E’ bene ricordare tuttavia che qualsiasi forma di conto corrente, conto carta o anche carta prepagata necessitano del pagamento dell’imposta di bollo pari a 34,20 euro all’anno per le persone fisiche (che diventano 100 euro per le aziende) a fronte di una giacenza media pari o superiore a 5000 euro annui.

    conto in banca limite