Conto in banca, ecco cosa succede se supero i €5000: “attenzione”

    20
    conto in banca Conto limite corrente

    Il Conto in banca rappresenta la forma più “diffusa” di strumento finanziario per la popolazione comune, sopratutto per i privati. Il conto in banca mette a disposizione diverse possibilità nell’ambito del risparmio: prelievi, versamenti, erogazione di assegni sono solo alcune delle funzionalità associate a questo strumento, che da diversi anni risulta essere molto più “facile” e intuitivo da gestire a causa sopratutto della diffusione degli smartphones. Il conto è anche e sopratutto utilizzato per depositare i propri risparmi attraverso i bonifici o i versamenti volontari; anche se oggi i costi risultano sensibilmente più bassi rispetto la passato, tutte le banche sono “costrette” a sottostar ad alcune regolamentazioni e limiti.

    Conto in banca, ecco cosa succede se supero i €5000: “attenzione”

    Da diversi anni a questa parte la linea economica e politica predilige i pagamenti elettronici, e tra questi spiccano i bonifici. Ogni forma di conto ha dei costi fissi, determinati dalle possibilità ma cosa succede se si supera i 5000 euro? Anche i conti online, quasi sempre completamente gratuiti nel loro utilizzo sono portati al pagamento di un’imposta di bollo se viene superato l’importo suddetto calcolato con la giacenza media. Come specificato dal portale dell’Agenzia delle EntrateIl calcolo della giacenza media annua si determina dividendo la somma delle giacenze giornaliere per 365, indipendentemente dal numero di giorni in cui il deposito/conto risulta attivo. Tutte le forme di conti correnti, libretti postali e carte prepagate sono portate al pagamento di dell’imposta di bollo annua, che ammonta a 34,20 euro per i privati e 100 euro per le imprese. Questo importo viene “detratto” automaticamente una volta all’anno, in quasi tutti i casi negli ultimi giorni dell’anno solare oppure nei primi di gennaio successivo.

    Per evitare il pagamento di questa forma di “tassa” non è sufficiente “spostare” improvvisamente l’importo presente sul conto da un giorno all’altro, in quanto il calcolo, come accennato, viene effettuato su tutto l’anno.

    conto in banca limite