Dove aprire un conto in banca a zero spese? Ecco la risposta

    51
    conto in banca Conto limite corrente

    Vuoi sapere dove aprire un conto in banco a zero spese? Non è una operazione complicata: ci sono tante banche che ormai, grazie alla gestione online dei conti correnti, offrono la possibilità di avere zero spese per l’utilizzo dei servizi legati al proprio denaro. La componente della gestione online è però fondamentale: ricordatelo perché è la base per aprire un conto senza spese.

    Si tratta di prodotti finanziari sempre più diffusi: consentono agli istituti bancari di annullare i costi di gestione che sarebbero legati ad un conto corrente “classico”, grazie alla crescente e sempre più diffusa digitalizzazione. Dovrete però avere a che fare con app, siti internet, e chiavi univoche da inserire che riceverete via SMS. Se siete disposti a farlo, allora siete pronti per aprire un conto corrente online a zero spese. In questo articolo vi diciamo come e dove farlo.

    Come aprire un conto in banca a zero spese

    Armatevi di pazienza, di un personal computer e di una connessione online. Sarà impossibile che la banca ti offra un conto a zero spese se vai alla filiale a richiederlo. L’analisi delle opportunità offerte potrebbe essere lunga. Ricordate che il canone gratuito, in diverse circostante, può essere vincolato a limiti di tempo, di età, o al numero di operazioni e versamenti sul conto stesso.

    Nella maggior parte dei casi basta far accreditare il proprio stipendio o pensione per assicurarsi un canone gratuito perpetuo, perché la movimentazione del danaro porterà automaticamente la banca ad incassare qualcosa: pensate ad esempio alle commissioni su prelievi bancomat o sui bonifici.

    Conti a zero spese: quali banche lo offrono?

    I conti in banca a zero spese per sempre non sono moltissimi. Oggi lo offrono Banca BBVA, oppure la banca ING Direct con la modalità Conto Arancio, purché tu sia pronto ad attivare il Modulo Zero Vincoli entro il 29 Settembre 2022. Dopo il primo anno al massimo sarà necessario accreditare lo stipendio/pensione sul conto, o ancora versare almeno 1000 Euro al mese. Conto senza spese previsto anche da IBL Banca, purché la giacenza media sia di almeno 5mila euro: una cifra nota a molti perché coincide con l’emissione dell’imposta di bollo. IBL banca comunque garantisce sempre zero spese se insiste sul conto almeno un vincolo attivo. Anche la Banca Findomestic, nota maggiormente per i finanziamenti, e appartenente al gruppo BNP Paribas, offre il canone gratuito perpetuo con l’accredito di stipendio o della pensione per un importo pari ad almeno 500 Euro al mese.

    Conto senza spese vincolato a limiti d’età viene proposto fino al compimento del 30° anno di età da Banca Mediolanum, BNP Paribas, Banca Popolare Sant’Angelo, Banca Widiba, e fino ai 35 anni da Credit Agricole. Se vi basta non pagare le spese soltanto per un primo periodo, la scelta può essere estesa a Banca Widiba, Banca Popolare Sant’Angelo, Banca Mediolanum e Fineco Bank (primi 12 mesi di canone gratuito) e Findomestic Banca (sei mesi).

    conto in banca