Le 10 lire del 1947 valgono una fortuna: ecco quali. FOTO

    29

    La numsimatica risulta essere interessante perchè esamina in modo accurato, con motivazioni storico e scientifiche, ogni tipologia di moneta e banconota. Il termine stesso deriva dal termine greco e latino nomisma, che significa per l’appunto moneta, e spesso questo campo di studi viene associato al collezionismo di questi oggetti. Non è propriamente così ma si intuisce il motivo, perchè le monete costituiscono una parte del paese di provenienza, ed anche la lira nel corso della quasi bicentenaria storia, può vantare tantissimi esemplari di grande interesse e in alcuni casi anche rarità che corrisponde al valore economico, come la 10 lire.

    Le 10 lire del 1947 valgono una fortuna: ecco quali. FOTO

    La 10 lire costituisce uno delle numerose forme di monete che hanno accompagnato gli italiani a partire dal 19° secolo: durante la monarchia questo taglio era realizzato sopratutto in oro, ma le 10 lire più recenti, risalenti all’epoca repubblicana, sono state concepite per essere monete comuni, dal valore medio. Se la più famosa è sicuramente la Spiga, la prima 10 lire del secondo dopoguerra è stata la Olivo chiamata anche Pegaso, un’emissione coniata per pochi anni, dal 1946 al 1950 ma dall’elevato interesse storico e collezionistico.

    Infatti sono sensibilmente più rare di altre emissioni, sviluppate in un contesto di profondo cambiamento economico, politico e sociale per il nostro paese. Un esemplare di questo taglio monetario può inoltre portare ad un ingente guadagno, sopratutto se reca l’anno 1947. In questo lasso di tempo infatti la zecca dello Stato ha sviluppato un numero molto ridotto di monete da 10 lire, circa 12 mila, e questo ha influito sul valore collezionistico: una moneta in buone condizioni vale almeno diverse centinaia di euro, ma il valore aumenta quanto più risulta ben tenuta.

    Una moneta di questo tipo del 1947 in perfetto stato, Fior di Conio, vale fino a 4500 euro, mentre una in ottimo stato può comunque far guadagnare oltre 2500 euro.

    10 lire