Le 10 lire con la spiga valgono un sacco di soldi: ecco quanto

    57
    10 lire 1955

    Le 10 lire con la spiga valgono un sacco di soldi. Non parliamo di tutti gli esemplari, ma ce ne sono diversi che hanno un valore rilevante se confrontati agli altri e ad altre monete. Il collezionismo numismatico riserva sempre delle sorprese. Non dovrebbe essere difficile trovare delle 10 Lire con la spiga tra i ricordi di famiglia. Sono una delle monete più amate dalle generazioni del XX secolo.

    Attenzione però: le 10 Lire con la spiga erano già introvabili al momento del loro ritiro definitivo nel 2002, quando arrivò l’Euro. Questo perché l’inflazione le rese di fatto inutilizzabili a qualsiasi scopo già a partire dagli anni ’90. Se vuoi sapere qualcosa in più su questa splendida monetina, continua a leggere il nostro articolo.

    10 Lire con la spiga: com’è la moneta

    Si tratta di una moneta davvero piccola e leggera. Venne coniata utilizzando la lega Italma, un metallo pensato e realizzato appositamente per la realizzazione delle lire, caratteristico per essere leggero e resistente, a base di alluminio. Le 10 Lire con la spiga pesano infatti solo 1.5 grammi e sono grandi meno di 25 millimetri. Immesse in circolazione per la prima volta nel 1951, sono poi state stampate in numerosi anni, fino agli albori del 2000.

    Il disegno che le dà il nome è posto sul verso della moneta: vede la presenza di due spighe di grano divergenti, cui accanto è stato inciso il valore nominale della moneta. Sul dritto è invece inciso un altro simbolo dell’economia italiana contadina: un aratro. Questo è circondato dalla scritta Repubblica Italiana, e in basso si trova il millesimo dell’anno di conio: un particolare importante per definire il valore della vostra moneta. Sempre sul dritto c’è anche la R, monogramma della zecca di Roma.

    Ecco quanto vale una 10 Lire con la spiga

    Esistono tantissime edizioni della 10 Lire con la spiga, visto che queste monete sono state stampate per circa mezzo secolo con poche interruzioni. Di conseguenza rarità della moneta e stato di conservazione ne influenzano, a volte anche pesantemente, il valore. Purtroppo per gli appassionati, la maggior parte delle monete descritte vale davvero molto poco: da pochi centesimi di euro a pochi euro.

    D’altra parte ve ne sono alcune davvero preziose: una 10 Lire spiga del 1954 in Fior di Conio vale oggi circa 110 euro, ed è alto il valore anche delle monete in stato di conservazione inferiore. Si parla di circa 50-60 euro anche per le monete in stato SPL e di una piccola cifra anche per quelle in stato BB. La 10 Lire con la Spiga del 1965 pure è importante: ha un valore di 35 Euro in stato Fior di Conio e di circa 13 euro in BB.

    È interessante sapere che quasi tutte le 10 Lire con la Spiga coniate nei primi anni della loro diffusione, e quindi tra il 1951 e il 1959, possono valere fino a 30 euro se perfettamente conservate. Tra le 10 Lire con la spiga, troviamo anche una versione caratterizzata da uno storico errore di conio, riconosciuto anche dalla zecca. La moneta del 1991 venne stampata con gli assi rovesciati e vale oggi da 20 a 70 Euro a seconda del suo stato di conservazione.

    10 lire 1955