Trova le 50 lire del 1958 e guadagni fino a €2000: ecco quali

    11
    50 lire 1958 prova

    Trovare una 50 Lire del 1958 tra i vecchi ricordi di famiglia potrebbe voler dire avere una piccola fortuna. Come in tanti altri casi legati al mondo del collezionismo numismatico, però, lo stato di conservazione della moneta fa una differenza enorme. Questa moneta è, almeno visivamente, una delle più comuni della storia d’Italia.

    La 50 Lire con l’immagine del dio Vulcano ha attraversato infatti decenni della nostra storia. Coniata per la prima volta nel 1954, vide una nuova versione ridotta di un terzo per peso e misura nel 1989, che però non venne apprezzata. La produzione venne fermata nel 1995, quando la 50 lire era già di fatto “inutile”: per colpa dell’inflazione non ci si acquistava quasi più nulla, e i dispari dei prezzi rientravano già in “quota 100”. Con l’arrivo dell’Euro venne ritirata definitivamente.

    Com’è fatta la 50 Lire del 1958?

    La 50 Lire del 1958 è una delle emissioni delle 50 Lire più conosciute della storia repubblicana Italiana. Vedono infatti l’incisione sul verso del dio Vulcano, intento a battere un pezzo di ferro con martello ed incudine, quest’ultima posta su di un ceppo ligneo o marmoreo. Sullo stesso lato compaiono il valore nominale della moneta (L. 50), il millesimo di conio (1958) e il monogramma della zecca di Roma autrice del conio (R).

    Sull’altro lato, chiamato dritto, è presente il profilo di un volto femminile di ispirazione classica, coronato d’alloro e attorniato dalla scritta Repubblica Italiana. Al centro, in basso, i cognomi degli autori dell’incisione. Il materiale con cui è realizzata questa moneta è l’acciaio Inox, mentre le sue dimensioni sono di 24.8 mm di diametro per 6.5 gr di peso.

    Quanto vale la 50 Lire del 1958?

    La 50 Lire del 1958 conservata in stato Fior di Conio, e cioè priva di qualsiasi segno di usura e brillante come alla sua immissione in circolazione, parte da un valore di 1400 Euro. Ma arriva ormai ad essere venduta costantemente a circa 200o Euro, con alcune occasioni in cui qualche collezionista supera ampiamente anche questa cifra.

    Il suo valore è tanto elevato perché, nonostante sia una moneta apparentemente comune, ne vennero stampati e immessi in circolazione soltanto 825mila esemplari. Una tiratura che da sola rende la moneta rara, realizzata invece in numerosi milioni negli altri anni di produzione. Purtroppo per i semplici appassionati, è una di quelle monete il cui valore non è altrettanto alto se conservata senza le dovute attenzioni. Una 50 Lire del 1958 in stato diverso dal Fior di Conio può non valere più di 40 Euro, mentre quelle rovinate valgono poco o nulla.

    50 lire 1958