Trova questa moneta rara e guadagni €1000: ecco quale cercare

Monete e banconote costituiscono idealmente “il denaro” nella sua forma più diffusa ed “accettata” globalmente, ancora oggi, in un contesto oramai sempre più dominato da forme di denaro elettronico, la moneta “fisica” continua ad essere fonte di grande fascino e attrattività. Esiste anche un campo di studi, denominato numismatica che esamina ed analizza ogni tipologia di moneta o banconota per scopi storico-scientifici. Del resto trovare una moneta rara costituisce sicuramente uno stimolo ad informarsi e nel caso di emissioni particolarmente interessanti, si può anche ambire ad un guadagno.

Anche la nostra vecchia valuta, la lira, ha evidenziato una serie di esemplari molto interessanti e anche particolarmente diffusi. Trovare una moneta rara non è facile ma neanche impossibile, anche perchè diverse varianti sono tutt’ora abbastanza conosciute.

Trova questa moneta rara e guadagni €1000: ecco quale cercare

Le monete utilizzate a partire del secondo dopoguerra hanno avuto una diffusione capillare e sono veramente molte, ma come spesso capita, un esemplare interessante può “nascondersi” in una comune moneta in alluminio. E’ il caso della moneta da 1 lire Arancia, un taglio monetario piuttosto diffuso nella parte centrale del 20° secolo, in particolare questa variante è stata coniata dal 1946 al 1950, prima di essere sostituita dalla versione successiva, denominata Cornucopia. 

La moneta da 1 lira Arancia deve il proprio nome al ramo corredato da uno di questi frutti, mentre l’altro lato è dominato dal ritratto di una testa di donna rivolta a sinistra, ornata da spighe di grano.

Le più interessanti sono indubbiamente le monete del 1947, estremamente rare a causa di una tiratura molto risicata, circa 12 mila esemplari, e questo si riflette sul valore odierno, che supera le centinaia di euro per un esemplare in buone-ottime condizioni, ma che può raggiungere anche la valutazione estremamente alta di 1500 euro per un esemplare in condizioni Fior di Conio, pari ad una “fresca coniatura”, mentre una in condizioni eccellenti comunque è valutabile tra i 600 e i 900 euro.

moneta rara