Ecco quanto varrà l’oro usato a breve: “pazzesco”: FOTO

Pochi elementi di valore mantengono da millenni una sorta di ideale di ricchezza così come continua a  fare l’oro, fin da tempi immemori capace di influenzare pesantemente le culture oltre alle economie delle nazioni, da quelle più antiche a quelle tutt’ora esistenti. Questo elemento infatti, considerato il “primo metallo” scoperto dall’uomo durante la Preistoria, ha impiegato poco tempo per ritagliarsi uno spazio importante in utilizzi molto diversificati, generalmente associati all’aspetto economico, anche nel settore dell’usato.

L’oro infatti possiede molte caratteristiche che ancora oggi sono considerate difficili se non impossibili da replicare, una su tutti l’assoluta duttilità e capacità di adattarsi ai più disparati contesti di lavorazione, trattandosi del metallo solido più duttile in natura, così  tanto che l’oro grezzo lo è anche  troppo, e deve essere unito ad altri metalli (costituendo quelle che sono chiamate le leghe d’oro) per essere utilizzato.

Lingotti, monete, gioielli, monili rappresentano solo alcuni degli utilizzi più comuni, oltre a quelli pratici, in quanto è un materiale che resiste benissimo a gran parte degli agenti chimici e alle condizioni ambientali, oltre ad essere un eccellente conduttore di energia. Non è un caso che i contesti che necessitano di un metalli nobile spesso fanno ricorso proprio all’oro, che resta comunque la principale forma di bene rifugio, vale a dire una risorsa che nell’ambito economico non “cala” di valore troppo rapidamente.

Ecco quanto varrà l’oro usato a breve: “pazzesco”

Per questo motivo l’utilizzo di oro usato rappresenta un mercato sempre molto florido, in quanto molti continuono ad investire nel biondo metallo. L’oro in borsa non ha più il “potere totalitario” che aveva un tempo ma resta fondamentale, ed il suo valore viene influenzato da diversi fattori.

Con il termine “oro usato” almeno in Italia si fa riferimento sopratutto a quello impiegato con maggior frequenza in gioielleria, vale a dire l’oro a 18 carati, ossia una lega metallica composta per il 75 % da oro puro.

Il valore odierno medio è di 39,60 euro al grammo, ma questo può aumentare sensibilmente nelle prossime settimane, “sforando” senza troppi problemi i 42 euro al grammo.

oro usato