Conto in banca, tieni d’occhio questi limiti o rischi grosso: ecco quali

33
riduzioni busta paga euro sterlina

Chiunque abbia un conto in banca sa che esistono dei limiti, generalmente legati alle operazioni che è possibile fare attraverso il profilo del proprio conto. Se questi limiti (numero di prelievi, tipo di bonifici, operazioni di scrittura a conto) non vengono rispettati, i costi del conto corrente aumentano, e di molto. Non sono però dei limiti rischiosi, se non per il fatto che vi porteranno a spendere più di quanto previsto.

Esistono invece dei limiti, o delle soglie, che se vengono superate possono portare ad accadimenti più spiacevoli di sborsare qualcosa in più per le operazioni fatte attraverso il conto corrente. Ne scopriamo alcuni in questo articolo.

Non superare i 100mila euro sul conto: ecco perché

Il primo limite che vi consigliamo di non superare è la presenza di somme superiore ai 100mila euro in deposito sul conto. Questo perché la soglia di 100mila euro è quella che viene coperta interamente dal FITD in caso di fallimento della banca. FITD è l’acronimo di Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi. Si tratta di uno strumento nato dall’associazione volontaria delle banche, che serve a coprire i depositi di piccoli e medi risparmiatori in caso di fallimento.

Le somme superiori a 100mila euro – e solo quelle – sono invece ritenute come utilizzabili per coprire le perdite nella procedura di bail-in. Il bail-in è una procedura di salvataggio interna alla banca cui gli istituti di credito europei sono obbligati, in caso di crisi, prima di chiedere il sostegno dello stato. Se avete 120 mila euro, quindi, 20 mila euro dei vostri potrebbero essere utilizzati.

Bonifici e operazioni oltre 5mila euro: ecco cosa succede

Se effettuate un bonifico oltre i 5mila euro, la segnalazione dell’operazione all’UIF sarà automatica. L’UIF è l’unità di informazione finanziaria, l’autorità nazionale per la vigilanza della trasparenza delle operazioni. Da qualche tempo l’obbligo di segnalazione di tali operazioni è stato esteso anche ad altri soggetti oltre le banche, come i promotori finanziari ad esempio.

L’UIF ha di recente affermato che il numero delle segnalazioni nell’ultimo anno è stato di oltre 100mila. Nel momento in cui il vostro bonifico viene segnalato partono degli accertamenti sulla natura della vostra operazione. In questo caso esplicitare molto chiaramente la causale è fondamentale. Potreste essere chiamati a produrre della documentazione ulteriore per spiegare la necessità del trasferimento del denaro.

In caso di bonifici da importi tanto elevati, il consiglio è quelli di effettuarli allo sportello della banca con la documentazione che giustifica il pagamento già in vostro possesso. In questo modo l’impiegato bancario potrà evitare il procedere di ulteriori accertamenti. Nei casi in cui l’operazione venisse ritenuta illecita, si va incontro a sanzioni.

conto limiti corrente zero spese