Quanto valgono le 100 lire con Minerva? La risposta è sconvolgente

36
moneta rara 100 lire minerva 1955

Chi non è più un ragazzino non potrà che avere una “memoria” relativa alla lira, ossia la valuta monetaria del nostro paese in uso fin da prima della proclamazione dell’Unità d’Italia, in quanto la valuta è stata utilizzata già dai primi regni preunitari del settentrione. Con il Regno d’Italia la valuta ha di fatto unificato il paese dal punto di vista monetario, e con la proclamazione della Repubblica nel 1946 sono state concepite in pochi anni una serie di emissioni divenute iconiche come la 100 lire Minerva.

Composizione e forma

E’ indubbiamente una delle monete simbolo del nostro paese, essendo stata coniata dal 1954 al 1989 e largamente utilizzata fino alla dismissione della valuta, avvenuta in corrispondenza dell’arrivo dell’euro nel 2002.

La nomenclatura Minerva proviene direttamente dalla raffigurazione presente su uno dei lati che evidenzia proprio la dea romana ritratta accanto un albero di alloro. Al di sotto è presente l’anno di coniatura, oltre al simbolo della zecca a destra ed il valore nominale a sinistra.

L’altro lato è dominato da una testa di profilo, coronata da una corona di alloro, circondata dalla dicitura della repubblica, mentre in basso sono presenti le firme di ROMAGNOLI e GIAMPAOLI INC. La moneta è realizzata Acmonital, una lega di alluminio molto comune ai tempi, e presenta un bordo rigato.

Numeri alla mano è stata una emissione estremamente diffusa e popolare nel corso di tutta la seconda metà del 20° secolo.

Quanto valgono le 100 lire con Minerva? La risposta è sconvolgente

Il valore è interessante, ma solo per le monete tenute realmente bene: in fior di conio, vale a dire la miglior tipologia di conservazione, possono valere diverse centinaia di euro (prendendo ad esemepio quelle degli anni 50), ma la più rara tra le 100 lire Minerva è sicuramente quella di Prova realizzata nel 1954 da parte della zecca per avere una base di test.

La valutazione massima ottenibile per questa emissione è decisamente interessante, anche a causa del valore storico, in quanto può “sforare” i 3000 euro se venduta all’asta.

100 lire