Hai la moneta da 1 euro con il gufo? Ecco il valore odierno

Come per tutte le altre monete dell’Euro, quando la valuta unica è entrata in vigore nell’anno 2002, ogni paese ha scelto una propria raffigurazione personale per ogni singola moneta.

Ci sono state, nel corso degli anni, anche le edizioni speciali tipo le commemorazioni e questo è il caso, ad esempio, della moneta d2 euro con i volti di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino emessa proprio quest’anno, in occasione dei trent’anni da quelle terribili stragi in cui i due eroi furono uccisi.

Restando ancora sulla moneta da 2 euro, l’Italia scelse anche il grande Dante Alighieri. Ma ci siamo mai chiesti quali sono le scelte degli altri paesi? Se passassimo in rassegne tutte le raffigurazioni delle varie le monete di tutti gli Stati che hanno aderito all’euro, allora dovremmo studiare un bel pezzo di storia d’Europa.

La Grecia, regina della civiltà classica, della democrazia e anche di una buona parte di quelli che vengono ormai chiamati valori europei, ha la moneta da 1 euro che in gergo viene chiamata “la moneta del gufo” anche se, in realtà, l’animale raffigurato è una civetta.

Questa moneta è stata realizzata da Georgios Stamatopoulos e si ispira a un’antica moneta, la tetradracma ateniese, che risale al V secolo a.C, periodo in cui la civetta era considerata uno degli animali simbolo della dea Atena, dea della saggezza.

Si tratta di una moneta che viene venduta spesso online e che per molti è davvero speciale tanto da arrivare a valere addirittura migliaia di euro. Ma cosa avrebbe di così speciale?

E’ bene a questo punto chiarire una cosa fondamentale: si tratta di valutazioni fatte per lo più fatte da chi posta le foto delle monete online che probabilmente hanno anche poca credibilità.

Una delle stelle che fanno da contorno a questa moneta ha al suo interno una “S” incisa che, secondo molti, sarebbe per Suomi, ovvero il nome con cui i finlandesi chiamano il proprio paese nonché la regione della Finlandia. Questo sarebbe l’errore che farebbe crescere notevolmente il valore della moneta.

Di monete da 1 euro con il gufo ci sono però due versioni: una che può essere definita standar e non presenta nessuna “S” all’interno della stella e un’altra che, invece, ce l’ha.

Nessuna di queste due monete ,però, ha un valore particolare se non quello nominale quindi appunto di 1 euro; può valer di più soltanto l’esemplare di fior di conio, ovvero mai usata, ma neanche in questo caso il valore si alza perché non si va oltre i 5 euro.