Hai le 10 lire con la spiga? Ecco il valore ufficiale, stupefacente

La moneta di dieci lire con la spiga era una tra le più diffuse in Italia. Oggi, a più di vent’anni dall’introduzione dell’euro, le vecchie lire italiane acquistano sempre più valore. Tra banconote di mille lire e le varie denominazioni a moneta, anche quella di dieci lire possono raggiungere una bella cifra!

Le 10 Lire hanno infatti avuto corso legale fino al 2002, l’anno in cui la Lira è stata definitivamente ritirata per lasciare spazio all’Euro. Scopriamo insieme il valore odierno di questa piccola moneta.

La moneta di 10 lire con la spiga

La moneta di 10 lire è piccola, argentata, coniata in una lega chiamata Italma. Nel 1951, viene coniata per la prima volta la versione con la spiga. Sul dritto presenta un aratro sovrastato dalla scritta “Repvbblica Italiana” e sotto troviamo il simbolo “R” della Zecca di Roma e l’anno di conio. Sul retro della moneta troviamo invece il caratteristico disegno delle due spighe di grano divergenti e il valore nomilale 10. La prima spiga è  rivolta verso l’alto, la seconda verso destra. La moneta pesa soltanto 1,6 grammi e il diametro è di 23,2 mm. Ne esistono circa 40 versioni differenti che hanno valore molto diverso tra loro.

Quanto vale la moneta di 10 Lire con la spiga?

In stato di conservazione Fior di Conio, la moneta di 10 lire con la Spiga con più valore è sicuramente quella del 1954. In stato di conservazione Fior di Conio vale circa 110 Euro. E’ la versione più ricercata e rara di questa moneta. Ma anche altre versioni hanno un valore interessante, come la moneta del 1965 , che vale 35 Euro in Fior di Conio. Le versioni degli anni ’50 possono anche arrivare a valere 30 Euro il pezzo se sono in FdC.

Andando avanti, la versione del 1991 è piuttosto particolare. In quell’anno venne emessa una tiratura con degli esemplari dal caratteristico errore di conio.

Qual è la differenza con le altre monete da 10? Quelle che portano l’errore presentano le due spighe capovolte rispetto al disegno del dritto. Se in Fior di Conio, può valere fino a 70 Euro, mentre in versione SPL arriva a 20 Euro.

Vendere le monete antiche

Potete affidarvi ai siti ufficiali o dei professionisti fidati per poter estimare banconote e monete ormai rare. Sapere dove andare o a chi chiedere per vendere gli oggetti rari al prezzo che merito, evita certamente il rischio di truffa!