“Non pagare mai questo tipo di bolletta!”: attenzione, ecco quale

34
Bonus bollette

Durante questi particolare periodi di crisi e di difficoltà economica che stiamo ormai vivendo negli ultimi anni, si è riscontrato un aumento dei tentativi di truffa e di raggiro per opera di alcuni malintenzionati che cercano, attraverso sotterfugi e tecniche da veri professionisti, di arricchirsi illecitamente alle nostre spalle. Uno degli ambiti più colpiti è sicuramente il settore dell’energia domestica, quelle spese legate ai consumi e alle bollette di luce e gas.

Vediamo i 5 tipi di truffe energetiche più comuni:

1. Chiamate da call center fasulli

Sono finti impiegati che vi potrebbero chiamare e che, utilizzando delle scuse, potrebbero cercare di ottenere i vostri dati privati e personali. Molte volte si tratta di telefonate ricevute ad orari inconsueti, con toni insistenti e spesso con discorsi completamente incomprensibili. Sappiate bene che nessuna compagnia di elettricità o di energia vi chiederà mai i dati delle vostre di carte di credito o dei conti correnti per via telefonica.

2. Email di phishing o presunti errori nelle vecchie bollette

I testi di queste email riguardano sempre dei “rimborsi” che si possono ottenere a seguito della comunicazione dei dati personali quindi bisogna controllare sempre l’indirizzo del mittente e, se doveste avete dei dubbi a riguardo, è bene chiamare al numero della società di energia in questione per accertarsi della veridicità di quanto accaduto.

3. Visita porta a porta

Un finto agente potrebbe suonare al campanello e chiedervi di entrare per visionare le ultime bollette o per controllare il contatore del gas per semplice routine.
Questo metodo è purtroppo molto efficace, in quanto l’attività di controllo dei contatori è un’attività che viene realmente effettuata dai tecnici dalle compagnie elettriche. Quindi come ci si può accorgere del raggiro?
Molto semplice! Basterà chiedere il tesserino di riconoscimento con la matricola del tecnico, chiamare la ditta e verificare in quello stesso momento se il controllo era previsto oppure no.

4. Pubblicità ingannevoli

Quando ricevete un’offerta (per email o telefono) che vi sembra “troppo” conveniente e poco trasparente allora c’è qualcosa che non va e dietro potrebbero esserci dei raggiri, delle truffe o delle clausole sconvenienti. Il consiglio è di verificare le offerte su un comparatore di prezzi online.

5. SMS

Con un semplice messaggio i finti operatori potrebbero comunicarvi nuove offerte oppure potrebbero invitarvi ad aggiornare la vostra area personale sul sito del vostro fornitore di luce e gas.

In genere tutti questi messaggi hanno 2 caratteristiche che vi possono aiutare a capire che si tratta di truffa:
-contengono sempre un link che vi invitano a cliccare per completare l’operazione;
-hanno carattere d’urgenza pena l’attribuzione di more, multe o sanzioni “a meno che non…si clicchi sul link e si completi la procedura richiesta”.