Trova questo gettone telefonico in zinco: il valore è altissimo!

52
gettone telefonico

La nascita, sviluppo, diffusione e “caduta” del gettone telefonico fa parte di un processo che si è protratto per buona parte dello scorso secolo, ed anche se oggi questi oggetti sono stati da tempo rimpiazzati dalla telefonia mobile.

Sarebbe ingiusto non tributare un merito importante al gettone adibito alle telefonate, a lungo il principale metodo per tenersi in contatto telefonicamente, in particolare al di fuori delle mura domestiche. Il concetto che sta alla base del gettone telefonico è molto semplice, ed è andato incontro ad un bisogno naturale legata ai primi telefoni pubblici. Questi strumenti inizialmente venivano alimentati a monete, mentre quasi subito si è optato per oggetti privi di valore nominale come i gettoni.

Come le monete però la funzione è la medesima, ossia quella di abilitare una telefonata per un determinato periodo di tempo, denominato scatto, termine ancora conosciuto seppur molto meno “importante” al giorno d’oggi. In Italia i gettoni hanno iniziato ad essere qualcosa di diffuso a partire dall’avanzamento tecnologico, avviato proprio nella prima metà del Novecento. Dopo i primi esemplari diffusi dalla Stipel, una delle prime compagnie telefoniche del nostro paese, dagli anni 30 anche altre, operanti in altre zone d’Italia hanno messo a punto altre versioni dall’aspetto diverso ma dalla medesima operatività del gettone telefonico, fino all’unificazione in un unico formato, nel dopoguerra.

Per questo motivo i gettoni antecedenti al secondo conflitto mondiale sono più diversificati ed anche più rari, anche perchè la prima cabina telefonica risale agli anni 50.

Se troviamo un gettone telefonico dall’aspetto “particolare”, magari come quello realizzato in zinco, concepito dalla TETI nella prima metà del secolo scorso, possiamo ambire ad un inaspettato guadagno. Un collezionista potrebbe infatti pagare da 100 euro fino ad oltre 250 euro per un esemplare perfettamente conservato e non usurato come quello riportato in figura

gettone telefonico