Migliori banche online: ecco pro e contro delle più importanti

Lo sviluppo tecnologico condiziona da molti anni anche gli aspetti più profondi e le abitudini più radicate degli esseri umani, al punto che oggetti per appassionati “smanettoni” in poco tempo hanno trovato grande diffusione e sono entrati nella comune normalità.

Gli smartphone sono un esempio sotto gli occhi di tutto, dispositivi che hanno sostituito altre tipologie di oggettistica multimediale e che sono indpensabili per la maggior parte di noi, al punto che hanno sostituito anche concetti radicati, come le operazioni bancarie.

Migliori banche online: ecco pro e contro delle più importanti

L’avvento dell’home banking ha completamente condizionato il concetto di banca, tant’è che molti istituti hanno scelto di puntare forte sulla digitalizzazione, migliorando le proprie app e riducendo il numero di filiali, spesso non così necessarie. Alcune banche addirittura sono nate direttamente online, ossia non hanno filiali fisiche esistenti. Quale è la migliore banca online?

N26

Nata diversi anni fa, rappresenta al meglio il concetto di banca priva di filiali: sviluppata in Germania, N26 da qualche tempo ha guadagnato l’IBAN italiano. Rappresenta la soluzione più logica ed efficiente per quanto riguarda servizi bancari online, visto l’assenza di canone e le commissioni praticamente assenti.

Tra i pro spicca l’applicazione estremamente chiara ed intuitiva che permette il pagamento e la gestione delle proprie finanze in maniera molto facile ed efficiente, anche se tra le varie funzionalità non esiste la possibilità di pagare i bollettini come F23, F24 e simili. Tra i contro spicca l’assenza di sportelli dedicati in Italia, anche se la situazione potrebbe cambiare in futuro.

Banca Sella

Molto in voga anche Banca sella che da la possibilità di fare bonifici online totalmente gratuiti e funzionalità praticamente ineguagliabili, nonchè una vasta scelta di tipologie di conto e carte disponibili. L’app è molto intuitiva e completa, ed in generale il conto non presenta alcun tipo di mancanza. Di contro anche il conto Start prevede un canone mensile da 1,5 euro e anche le varie carte associate hanno dei costi variabili.

Widiba

Molto simile quanto offerto anche da Widiba ma a costi minori: si parla di un canone totale da 36 euro all’anno, ma in quest’ultimo è incluso anche il servizio di posta certificata (PEC) e la firma digitale. I prelievi sotto i 100 euro sono gratuiti, così come i bonifici nella zona euro.  Per il primo anno canone e attivazione sono gratuiti, nonchè previsti numerosi sconti per i giovani.