“Il mio bonifico è stato segnalato”: ecco cosa devi fare subito

47

Se un tuo bonifico è stato segnalato, ci sono alcune cose che devi fare subito, ma in linea generale non devi preoccuparti. Purché, ovviamente, tu abbia fatto una operazione lecita, nei limiti della legge, e abbia assolto ad eventuali oneri fiscali derivanti da essa. Le segnalazioni di bonifici nel corso degli ultimi tempi, infatti, si sono moltiplicate a dismisura.

Questo perché la stretta all’evasione fiscale e al riciclaggio di denaro che ha portato a promulgare una serie di nuove norme più restrittive sulle movimentazioni di denaro, ha introdotto anche l’obbligo di segnalazione esteso a tutti i soggetti che si occupano di intermediazione finanziaria delle operazioni attraverso bonifico per importi superiori a 5mila euro. E come è possibile immaginare, le segnalazioni sono schizzate verso l’alto.

Bonifico segnalato: quando accade?

Un bonifico viene segnalato quando supera la cifra di 5mila euro. L’UIF ha informato di recente di aver ricevuto, nel corso dell’ultimo anno, oltre 100.000 segnalazioni di operazioni sospette. L’aumento rispetto al passato è, come abbiamo detto, dovuto all’estensione dell’obbligo di segnalazione ad una serie di soggetti che prima non erano tenuti. Tra questi uno dei più rilevanti si è rivelato essere il settore delle scommesse. Sono infatti numerose le operazioni di gioco superiori a queste cifre, e quindi il numero delle segnalazioni si è impennato.

Altra motivazione alla base della segnalazione di un bonifico può essere una cambiale equivoca o che rimandi ad altre “operazioni” che non risultano al fisco. Massima attenzione quindi alle diciture inserite nelle causali. Non si può ad esempio parlare di “affitto” se non esiste un contratto registrato, o di un “rimborso” se non esiste un prestito tracciato. Queste diciture possono portare alla verifica delle operazioni e alla segnalazione dei bonifici.

Bonifico segnalato: ecco cosa devi fare

Quello che sei chiamato a fare è fornire alla banca, o al soggetto che te lo sollecita, la documentazione che giustifica e rende lecita l’operazione di movimentazione del denaro che hai effettuato. In effetti è consigliabile, per i bonifici superiori a 5mila euro, recarsi presso lo sportello. Questo perché di fronte a somme simili il costo elevato del bonifico a sportello è più accettabile, e perché potrai fornire contestualmente la documentazione necessaria all’operazione.

Oltre alla giustificazione dell’operazione, dovrai poi fornire delle prove fiscali che gli oneri derivanti dalla stessa siano stati evasi. Se possiedi questa documentazione, non c’è nulla di cui preoccuparsi. La banca provvederà a segnalare l’inopportunità del proseguimento delle indagini. Diversamente, il Fisco potrebbe invece segnalare l’operazione alle autorità giudiziarie che potrebbero procedere ad emettere sanzioni. Il contribuente può sempre fare ricorso al giudice rispetto alle sanzioni emesse. Sarà il giudice che deciderà sull’eventuale natura dei bonifici in esame.