Canone Rai, ecco il nuovo prezzo: “Assurdo”

25

Quando si parla di Canone Rai si fa riferimento all’abbonamento obbligatorio per tutti coloro che ricevono in casa il segnale televisivo che, pagamento che, fino alla fine di quest’anno, si trova all’interno della bolletta elettrica e che vedrà anche nuovi aumenti.

Dal 2023, verrà infatti scorporato su richiesta dell’Europa ma forse la vera novità del Canone Rai è che nulla cambia per quanto riguarda i tablet e gli smartphone: a fine anno scorso, 2021, è naufragata la proposta di far pagare la tassa non soltanto ai possessori di un televisore ma anche ai proprietari di un dispositivo elettronico che permette la visione di programmi via Internet.

E’ possibile comunque sia, beneficiare dell’esenzione per questo pagamento, vediamolo insieme.

Chi ha beneficiato fino ad ora dell’esenzione di questo versamento dell’imposta dovrà presentare una nuova richiesta dato che la domanda deve essere presentata ogni anno e preferibilmente entro la fine del mese di gennaio affinché l’esenzione possa coprire tutto l’anno.

Quindi, chi sa già di non dover pagare il Canone Rai, deve rinnovare la domanda entro il 31 gennaio; ne hanno diritto:

  • i cittadini che hanno un’utenza elettrica ma che non detengono in casa nessun apparecchio televisivo;
  • chi ha compiuto i 75 anni di età e il cui reddito annuo non supera gli 8.000 euro;
  • tutti i diplomatici e i militari di origine straniera.

La richiesta per quest’esenzione, deve essere sotto forma di autocertificazione e va inviata all’Agenzia delle Entrate o per via telematica, collegandosi quindi al sito delle Entrate oppure tramite raccomandata, allegando una copia del documento di identità all’indirizzo Agenzia delle Entrate.

Chi ha sempre pagato insieme alla bolletta della luce questi famosi 90 euro diluiti in dieci comode rate da 9 euro l’una nel periodo tra gennaio e ottobre continuerà a versare quest’abbonamento televisivo nello stesso modo ma in alternativa, è anche possibile pagarlo con modello F24 o tramite addebito sulla pensione.

Novità Canone Rai 2023

Il Canone tornerà ad essere pagato in maniera del tutto autonoma, fuori dalla bolletta della luce. Il motivo? Beh, non è possibile chiedere ad una società privata di riscuotere per conto dello Stato una tassa che non ha nulla a che fare con il suo settore di attività.

Si tornerà, dunque, al vecchio sistema. Comunque sia c’è da dire che le abitudini dei telespettatori stanno cambiando in maniera costante con i nuovi abbonamenti televisivi emergenti, ed è da considerare quindi il fatto che oggi è possibile fare a meno del canone tv aumentando addirittra la qualità e la soddisfazione di ciò che si guarda.