Postepay, attenzione a questa truffa: possono rubare i tuoi soldi

55
postepay novità disabilitata truffa

Da circa 2-3 decadi il denaro elettronico è divenuto sempre più diffuso ed anche globalmente oltre che fisicamente accettato, nel nostro paese la forma ancora più diffusa nonchè una delle prime a diventare molto comuni è sicuramente il Bancomat, forma tecnologica del denaro inizialmente legata esclusivamente a conti correnti, mentre il contesto delle prepagate è arrivato con l’inizio del 21° secolo anche grazie a servizi come Postepay, che da subito hanno portato un nuovo standard assoluto nel contesto della moneta elettronica, attirando però numerose forme di truffa.

Questi raggiri non sono opera di Postepay, ne delle Poste Italiane che hanno al contrario un forte intento nell’evitare l’azione di questi problemi che ancora oggi sono molto diversificati e purtroppo efficaci. Spesso i truffatori, spesso personalità dalle buone competenze informatiche, fanno uso del phishing, ossia una forma di raggiro basato sull’imitazione di messaggi e comunicazioni di natura “falsa”, ma che possono essere più o meno facilmente scambiati con quelli “veri”.

Un esempio è quello presente qui sotto, che ricalca quasi alla perfezione il tradizionale messaggio OTP, ossia quella forma di sms generati automaticamente per autorizzare un pagamento o un’operazione telematica da parte di Postepay. Questa forma di “step” fa ricorso al sistema 3D Secure, che da tempo risulta essere obbligatoria da attivare qualora fossimo intenzionati ad attivare i servizi online come la possibilità di utilizzare la nostra Postepay per acquistare online.

Il messaggio è quindi molto simile a quello originale, ma rispetto a quest’ultimo è riconoscibile per la presenza di link interni oppure di spazi per “accogliere” i nostri dati personali. Ma se ci “caschiamo” le nostre credenziali potranno essere utilizzate da malintenzionati e quindi può manifestarsi la concreta possibilità di vedere prosciugare il nostro conto.

SMS di questo tipo, anche se presentano l’intestazione Postepay o Poste Italiane non vanno mai aperti o seguiti, ma immediatamente cestinati. I “veri” messaggi OTP di Poste Italiane sono generati solo in prossimità di un’operazione e presentano un codice e basta.

truffa postepay