Se hai la moneta di Costantino puoi diventare ricco: ecco quanto vale

22
costantino moneta

La numismatica, lo studio e l’analisi di monete e banconote, può avere un impatto anche oltre il collezionismo, in quanto alcuni esemplari molto rari e ricercati susciteranno senza dubbio entusiasmo se venduti a prezzi molto elevati. Con l’avvento di Internet, la conoscenza delle monete è aumentata, ma anche le fake news e i falsi miti sulle monete. Esistono però monete molto interessanti, anche italiane e come, alcune di esse possono anche passare per le nostre mani e passare inosservate. Costantino e la coniazione di Costantino si riferiscono a una serie di monete emesse dalla Zecca romana durante la quale Costantino I rimase l’unico Augusto (324) fino alla morte di Giuliano (363), e vide la fine della dinastia costantiniana. Durante questo periodo, dopo la morte del primo monarca cristiano, ci furono guerre fratricide come quella tra Costantino II e Costantino I o tra Costanzo II e Magnenzio l’usurpatore (351-352).

5 centesimi

Un esempio è la moneta da 5 centesimi in euro, che è l’unica moneta nuova ad avere un colore “rame” rispetto a tutte le altre monete da 10 centesimi, 20 centesimi e 50 centesimi. Infatti, dopo aver avuto a che fare con 1 centesimo e 2 centesimi mai apprezzati, la moneta da 5 era l’unica moneta “tollerata”, ritenuta troppo piccola e poco pratica per mantenerli. Come per ogni taglio di monete in euro, il 5 cent ha una “faccia” comune per tutti i paesi utilizzatori, mentre un altro varia da paese a paese: l’Italia ha il famoso profilo del Colosseo, esso è diventato uno dei simboli di Roma e anche dell’Italia intera.

Una vera moneta, tramandata fino ai giorni nostri, ha una storia di 1700 anni ed è stata testimone del grande impero romano; non solo una semplice moneta, ma un oggetto da collezione, rappresenta anche la leggenda della fondazione di Roma, a metà tra mito e storia. Gioielli autentici con monete che meritano di essere apprezzati e mostrati con orgoglio.

Questa pregiata moneta di rame, coniata durante il regno di Costantino il Grande (306/337), raffigura sul dritto la figura allegorica di un guerriero romano e sul rovescio i due gemelli Romolo e Remo e la mitica madre Lupo. Conosciuto con il nome di follis, ha un diametro di 1 mm. Circa 16 grammi e peso. Circa 3 pezzi in buone condizioni, protetti da capsula trasparente in elegante scatola con certificato di autenticità.

Quanto può valere?

È immediatamente riconoscibile e quindi molto comune, ma se “guardiamo da vicino” e troviamo alcuni esempi unici di questa moneta, c’è ancora del profitto da realizzare. Nel nostro Paese, infatti, si trova una copia del Vaticano da 5 centesimi, forse realizzata nel 2002, con sopra la testa di Papa Giovanni Paolo II. Vale fino a 100€ se in buone condizioni.