Crypto.com è davvero affidabile? Ecco le recensioni e opinioni

    26
    crypto.com

    Il mondo delle criptovalute è “nato” da poco più di 10 anni eppure oramai risulta profondamente radicato nel contesto finanziario, al punto che le valute che ne fanno parte sono globalmente riconosciute dalla maggior parte degli stati occidentali e opportunamente tassate. Nonostante ciò ancora oggi una larga fetta di investitori e risparmiatori percepisce questo contesto ancora fortemente distaccato dalla finanza tradizionale. Il “ruolo” avuto da Crypto.com,  che continua ad avere è stato di grande importanza, dato che ha unito il due contesti.

    Di cosa si tratta?

    Ciò ha provveduto a “normalizzare” l’idea stessa della criptovaluta: Crypto.com è tra i servizi di trading, nonchè di acquisto, vendita e gestione delle criptovalute nel più conosciuto termine di exchange. Si tratta di un sistema molto diversificato che permette, tra le altre cose di ottenere prestiti e finanziamenti in crypto, ma anche di gestire il tutto attraverso l’app, implementando anche una lunga lista di schede prepagate utilizzabili per l’accredito ma anche per i comune utilizzo nella vita di tutti i giorni. Non solo: permette di investire in modo tradizionale sulle criptovalute, come “fondo”. Fa largo uso della propria “moneta” (token) denominata CRO che viene utilizzata come “motore” all’interno dell’ecosistema.

    Crypto.com è davvero affidabile? Ecco le recensioni e opinioni

    Ma è affidabile? E’ tra le più pubblicizzate e famose sul web, pur trattandosi di un servizio “giovane”. Crypto.com ha palesato diversi problemi in fatto di deposito di denaro ed affidabilità, oggi quasi tutti completamente risolti. Detto ciò, la piattaforma è estremamente affidabile, a fronte di commissioni decisamente più elevate rispetto alla concorrenza, “giustificate” proprio dalla natura del servizio che è più simile ad un vero e proprio ecosistema finanziario avanzato rispetto ad una comune app di exchange.

    E’ tra le scelte migliori se si intende puntare sulle criptovalute “principali” come Bitcoin ed Ethereum, anche se è essenziale conoscere un buon inglese per poter interloquire con l’assistenza, in caso di bisogno.

    crypto.com