Questa moneta commemorativa vale un sacco di soldi: FOTO

    25
    2 euro carabinieri

    La moneta commemorativa ha ormai invaso l’Unione Europea e anche i nostri portamonete. Come molti sanno la BCE ha concesso l’utilizzo della moneta da 2 Euro per la stampa, il conio e l’emissione di monete speciali dedicate a commemorazioni ed eventi. I paesi dell’UEM hanno sempre sfruttato al massimo questa possibilità e sono arrivati a poco meno di 500 monete commemorative coniate in circa 20 anni.

    Orientarsi tra tutte queste monete speciali non è semplice: sono tantissime e a volte differiscono le une dalle altre solo per dettagli. In questo nostro articolo ti parleremo di una moneta commemorativa che vale un sacco di soldi.

    La moneta commemorativa dei Carabinieri

    La moneta commemorativa del bicentenario della fondazione dell’Arma dei Carabinieri è considerata dalla maggioranza degli osservatori numismatici una delle emissioni commemorative più belle d’Europa e una delle monete più belle della Storia d’Italia. In effetti è difficile non essere d’accordo.

    Al centro del verso, infatti, è rappresentata l’incisione della scultura “Carabinieri nella tempesta di neve”, realizzata da Antonio Berti nel 1973 e oggi presente in riproduzione all’interno dei Giardini del Quirinale. In questa immagine una coppia di Carabinieri in alta uniforme coperta dal mantello d’ordinanza affronta, col volto basso, le intemperie e il freddo.

    La figura è circondata nella parte alta dalla scritta “Carabinieri” mentre ai lati della riproduzione della scultura vi sono le date del bicentenario, 1814 e 2014. La moneta è completate dalle incisione dei monogrammi (RI per la Repubblica, R per la Zecca di Roma) e dalle iniziali dell’autrice, incise tra i piedi dei Carabinieri. Il dritto resta chiaramente lato comune, con il valore nominale e i confini dell’Unione,  senza alcuna modifica.

    Ecco quale moneta commemorativa vale un sacco di soldi

    La moneta commemorativa che vale un sacco di soldi è sì quella dei Carabinieri, ma non si tratta di quella che potreste trovare in circolazione, magari nel resto della spesa al supermercato. La numismatica infatti prevede l’immissione in circolazione di un determinato numero di monete – e quelle dei Carabinieri sono circa 6.5 milioni, che non valgono mai più del loro valore nominale, almeno una volta smontato il “rotolino” consegnato alle banche.

    La moneta che invece vale davvero un sacco di soldi è la versione Proof dedicata ai collezionisti. Questa versione specifica veniva venduta sul sito della Zecca, appena emessa, corredata di uno scatolino e di foglietto illustrativo originali che concorrono al valore dell’oggetto. Questa versione specifica della moneta commemorativa dedicata ai Carabinieri viene ormai venduta costantemente  ad almeno 300 Euro, e si prevede che il valore cresca ulteriormente nei prossimi anni.

    2 euro carabinieri