Se trovi questi 2 euro con Dante sei ricco: ecco quanto valgono

    48
    2 euro con Dante

    La maggior parte dei paesi europei utilizza l’euro dal 2002 e, dal punto di vista dell’emissione di valuta, un cambiamento importante in questa valuta ha indubbiamente soddisfatto i collezionisti. Secondo le normative europee, praticamente ogni Paese gode di una certa libertà di apporre opere rappresentative sulle proprie monete, e in generale questi Paesi scelgono personaggi storici di particolare rilevanza: da 20 anni la Società di Rilievo e Mappatura e la Zecca Nazionale Dante Alighieri su due monete in euro tutto il tempo.

    La moneta da due euro di Dante è realizzata in nichel e l’interno in ottone e in rame. Ci sono sei stelle a cinque punte e sei volte il numero 2, un diametro di 25,75 mm e un peso di 8,5 grammi.

    Va anche tenuto presente che questo è abbastanza nella media per il numero di copie realizzate, dato che sono circa 3,5 milioni.

    Sul lato dritto c’è Dante, che tiene nella mano sinistra un libro aperto, tutto il libro è la montagna del purgatorio. Questa immagine non è inedita, è in realtà tratta da un dipinto di Domenico di Michelino intitolato “Allegoria della Divina Commedia” che chiunque visiti la Santa Maria del Fiore di Firenze deve sapere perché è esposta lì

    Se trovi i due euro di Dante, sei ricco: ecco quanto valgono!

    La figura del sommo poeta, considerato il “padre” in italiano, e una delle figure più influenti della storia occidentale. Nello specifico, la rappresentazione prescelta è stata realizzata da Maria Carmela Colaneri e mette in evidenza il celebre ritratto di Dante, che è già presente nel Parnaso di Raffaello Sanzio oggi ai Musei Vaticani.

    Trattandosi di una denominazione di valuta estremamente comune, le monete Dante non sono rare, è anzi una delle più comuni, e anche in perfette condizioni la moneta ha lo stesso valore della moneta nominale, ovvero due euro. Solo le monete del 2019, se a Fior di Conio, possono raggiungere una valutazione di 10-12 euro. Un altro discorso diverso raffigurante la moneta da due euro di Dante, la Moneta Commemorativa 2015, è stata sviluppata dalla Zecca per commemorare il 750° anniversario e ne ha emesso 3,5 milioni di copie attraverso un’emissione speciale per i collezionisti: in questa moneta Sopra, Dante è quasi a figura intera, con un libro aperto sulla sinistra e la Montagna del Purgatorio dietro di lui. A tal fine l’Istituto Poligrafico e la Zecca di Stato hanno prodotto una versione full package, che fino a poco tempo fa era ancora disponibile a 18 euro sul sito ufficiale: oggi questa edizione vale già circa il doppio per gli appassionati, ed è destinata a diventare ancora più ricercata in futuro.