Canone Rai: in arrivo un aumento per tutti? Ecco la risposta

    14
    canone-rai

    Pochissime imposte al mondo sono così osteggiate e “poco gradite” come il Canone Rai, al punto che non a tutti è ancora chiaro che si tratta proprio di una tassa e di non una forma di pagamento “volontario” da oramai svariati decenni. Per questo motivo il termine Canone Rai, pur essendo ufficialmente adottato, non è propriamente corretto, in quanto è una vera e propria tassa televisiva.

    Una vasta percentuale di italiani non vede di buon occhio questa forma di imposta, sopratutto per una questione concettuale, ed in secondo piano, per una questione economica. Si tratta di una forma di tassa che ha più volte subito diversi cambiamenti, uno dei più importanti si è “verificato” nel 2016 sotto il governo Renzi: per favorire le entrate infatti è stato deciso di accorpare il canone rateizzato attraverso le fatture dell’energia elettrica: l’importè è stato ridotto da 113 a 90 euro, dilazionati in 10 rate da 9 euro l’una.

    Canone Rai: in arrivo un aumento per tutti? Ecco la risposta

    Tuttavia dopo diversi mesi costellati da svariati rumors in merito ad un nuovo cambio di formato, è stato ufficializzato che il Canone Rai ritornerà a “godere di vita propria”, in quanto l’associazione ad un’altra fornitura di energia non rientra negli standard europei. Non è ancora chiaro se ritornerà ad esistere il tradizionale bollettino, oppure sarà inglobato in altre forme di fatturazione. Ancora viva e non da escludere anche forme di esenzioni, oltre alla possibilità di inserirlo nel 730.

    Nelle ultime settimane diverse associazioni di consumatori hanno confermato un sensibile aumento che dovrebbe portare il Canone Rai a subire un rincaro annuo, molto probabilmente a cifre superiori a 120 euro, anche se di comunicati ufficiali non ne esistono ancora.

    Sembra inoltre infondata la voce relativa ad un Canone Rai “gonfiato” fino a 300 euro annui per chi possiede più di un’abitazione di proprietà: per tutto il 2022 la tassa televisiva non subirà cambiamenti, ed è molto probabile che entro gli ultimi mesi dell’anno saranno rese ufficiali le nuove modalità, così anche le esenzioni di sorta.

    canone-rai