Saluteremo definitivamente le banconote dell’euro: ecco quando

    26
    banconote sterlina euro €20 tasse settembre 5 euro

    Niente è immutabile e dura in eterno e anche i concetti considerabili “basilari” e apparentemente immutati e immutabili in senso generico sono destinati al cambiamento, prima o poi. Non sfugge a questa regola il denaro, in quanto non è semplicemente lo strumento di pagamento e “movimento” economico ma entra in gioco in una serie di fattori anche molto “al di sopra” del comune cittadino. Le società cambiano e il denaro deve fare altrettanto sotto tutti i punti di vista: anche una valuta decisamente recente come l’euro, nelle sue monete e banconote, è infatti destinata a mutare.

    Cambiamenti economici

    Le banconote sopratutto costituiscono il principale “pomo della discordia” per le società moderne, sotto molti punti di vista: la carta moneta infatti da sempre ha alcuni “bisogni” e necessità, come il continuo “ricambio” di esemplari che va inevitabilmente incontro al deterioramento delle banconote. Va inoltre considerato anche il fattore falsificazione, ossia la contraffazione illecita dei tagli più utilizzati, che, seppur in diminuzione, costringe ad adottare tecniche e controlli sempre più stringenti.

    In senso generale i governi recenti stanno cercando di limitare in maniera sempre più importante l’uso del contante, sopratutto per le transazioni di una certa importanza, in quanto il denaro liquido risulta essere lo strumento “ideale” sia per adempiere l’evasione fiscale ma anche per “favorire” altre operazioni illecite come il lavoro nero.

    Saluteremo definitivamente le banconote dell’euro: ecco quando

    Tuttavia non è facile stabilire una data vera e propria di dismissione, proprio perchè si tratta di un processo necessariamente graduale: alcuni tagli come quello da 500 euro infatti pur essendo ancora valido al 100 % non è stato riproposto nella seconda serie delle banconote dell’euro, e molto probabilmente anche quello da 200 euro non è più considerato “conveniente” da stampare a cadenza regolare. Secondo gli esperti il numero di banconote si ridurrà in maniera progressiva proprio a partire dai tagli maggiori, che sono quelli utilizzati sopratutto per i grandi “movimenti” di denaro.

    banconote euro €20