Allarme INPS: ecco cosa sta succedendo a questi lavoratori, pazzesco

32

In questo articolo parleremo dell’INPS, ovvero l’Istituto di Previdenza Sociale Nazionale, il principale ente previdenziale del sistema di pensioni pubblico italiano, presso cui devono essere obbligatoriamente iscritti tutti i lavoratori.

Si sta sentendo in giro la presenza di un allarme INPS che sta interessando moltissimi utenti. Una platea sempre più consistente di persone si ritrova ad interfacciarsi con il famoso portale telematico dell’INPS che, con una frequenza sempre più maggiore, sta prendendo il posto degli uffici analoghi dell’Istituto di previdenza sociale.

La digitalizzazione non è, però, un semplice vezzo anche se spesso costituisce per lo stato una vera necessità date le problematiche che gli ultimi due anni hanno messo in evidenza, principalmente a causa della pandemia, del Covid-19, che ha portato ad un numero di restrizioni alquanto importante.

Anche le persone più tradizionaliste hanno dovuto cedere ed imparare ad approcciarsi a questo mondo della digitalizzazione, e di questo ne fa parte anche l’INPS, che da anni ha avviato una vera politica di graduale miglioramento di tutti i suoi servizi telematici, insomma, sta facendo la sua parte.

A partire dal 16 agosto del 2021 ad esempio, attraverso una circolare ufficiale del portale stesso, l’INPS ha comunicato che l’accesso ai propri servizi, a partire da quel giorno sarebbero stati possibili esclusivamente per tutti i cittadini in possesso di un’identità digitale SPID, ovvero la Carta Nazionale dei Servizi (CNS) o Carta d’Identità Elettronica (CIE). Visto che l’INPS si occupa della gestione delle pensioni ma anche di moltissima buona parte dei bonus e delle agevolazioni erogabili, questa novità ha portato i cittadini ad attrezzarsi quanto prima ma vista la mole di persone non sempre questo è possibile.

Ma vediamo che cosa sta succedendo in tutta Italia.

Sin dalle ultime giornate del 2021 fino ad ora l’INPS ha ricordato che è sempre possibile accedere ai servizi telematici senza essere in possesso dell’identità digitale, ed è possibile attraverso il Contact center INPS. C’è un PIN temporaneo che, come dice il nome, fornisce all’utente un codice che avrà una durata decisa direttamente dall’utilizzatore.

E’ chiaramente possibile fare richiesta per ricevere questo PIN attraverso una pagina specifica, che è raggiungibile attraverso questo indirizzo; nel caso, invece, di smarrimento di questo codice sarà allora possibile richiederne immediatamente uno nuovo sostitutivo che andrà ad invalidare quello precedente.

Questo PIN personale permetterà all’utente di poter accedere a tutti i servizi telematici dell’INPS, e questo vale anche per i tutori che sono muniti di delega valida.