Quanto valgono i 2 euro con i carabinieri? “Pazzesco”

    28
    2 euro carabinieri

    Le monete commemorative dell’euro, nello specifico le emissioni da 2 euro che sono realizzati a cadenza più o meno regolare in specifici anni dai paesi utilizzatori a partir dal 2004 risultano essere tra quelle più caratteristiche e famose tra le emissioni comunitarie. Il nostro paese fin dal principio ha emesso almeno una emissione commemorativa all’anno, e tra queste spicca anche quella con i carabinieri.

    L’Arma sulle monete

    Si tratta di una edizione specificamente sviluppata dalla zecca italiana per celebrare i 200 anni dalla nascita del Corpo dei Carabinieri, concepita da Vittorio Emanuele I di Savoia come forza di polizia sotto unità militare.

    Non a caso l’emissione riporta le due annate 1814 – 2014 e la raffigurazione della “Pattuglia di Carabinieri nella tormenta” realizzata da Antonio Berti nel 1973, una scultura simbolica molto famosa agli appassionati dell’Arma. Oltre al simbolo della zecca italiana posto in alto è presente la firma sotto forma di iniziali LDS della creatrice del disegno, ossia Luciana De Simoni.

    Quanto valgono i 2 euro con i carabinieri? “Pazzesco”

    Non si tratta di un’emissione particolarmente rara e perciò seppur molto ambita nel nostro paese per il forte valore culturale, non rappresenta una “Fonte di ricchezza” neanche se si possiedono esemplari in eccellenti condizioni. Il valore infatti non supera i 6-7 euro per una moneta di questo tipo seppur in Fior di Conio, ossia la migliore condizione di conservazione possibile.

    La zecca italiana ha comunque fornito la possibilità per i collezionisti di acquistare le monete a Fondo specchio che hanno un valore sensibilmente più alto essendo monete concepite per il collezionismo (il valore è variabile, da centinaia fino a un migliaio di euro).

    Anche se si possiede una moneta d 2 euro con i Carabinieri “normale” se in eccellenti condizioni, conviene comunque conservarla: in futuro il valore potrebbe essere molto più interessante, considerato il tipo di soggetto scelto per l’occasione.