Attenzione a queste vecchie Lire: ecco quando valgono oggi, pazzesco!

    30
    moneta moneta belga 2008 10 lire segno errore conio ricco 100 lire monete rare timone moneta rara

    La storia della lira è costellata da numerosissimi esemplari divenuti famosi e ancora oggi molto presenti nella memoria collettiva di tantissimi italiani. La motivazione è strettamente legata ad una questione culturale, ma anche puramente numismatica: i collezionisti infatti hanno iniziato a porre grande attenzione sulla valuta italiana molto prima della dismissione di quest’ultima, anche perchè in due secoli di “vita”, le vecchie lire hanno evidenziato anche i cambiamenti politici e culturali del nostro paese. Quali sono quelle che, in relazione alla diffusione, sono più interessanti?

    Attenzione a queste vecchie Lire: ecco quando valgono oggi, pazzesco!

    Gli esemplari sono numerosi, ed in alcuni casi anche emissioni un tempo di uso comune possono portare ad un più che discreto guadagno.

    Un esempio è rappresentato dalla 5 lire Uva (chiamata anche Pegaso), la prima versione di questo taglio monetario della Repubblica italiana, sviluppata dalla Zecca di Stato in un arco di tempo “ristretto”, ossia dal 1946 al 1950 in Italma, una lega di alluminio.

    Le più interessanti sono quelle coniate nel 1946 e 1947, che possono valere da circa 150-200 euro (condizioni buone) a oltre 1300 euro se in condizioni Fior di Conio.

    Ancora più nota e famosa la 100 lire Minerva, che è stata largamente utilizzata per circa mezzo secolo: si tratta della celebre monete che reca la dea Minerva, a fianco di un albero di alloro. Le più rare sono quelle del 1954, definite di Prova, riconoscibili proprio per la scritta in piccolo presente sul bordo. Il valore per queste rarissime monete è pari a 3000 euro ma anche una moneta “normale” coniata dal 1955 al 1961 può valere diverse centinaia di euro, a patto di essere in condizioni perfette.

    100 lire

    Emblematiche le 500 lire Caravelle Sbagliate, ossia la primissima versione di questa emissione, coniata tra gli anni 50 e 60. La versione di Prova del 1957 presentano le bandiere sulle vele rivolte a sinistra anzichè a destra, come negli esemplari successivi. Questo conferisce a questi esemplari una rarità unica: una 500 lire Sbagliata vale mediamente sui 5000 euro ma in condizioni perfette all’asta un esemplare può valere anche il doppio.