Conto in banca, ecco cosa succede se superi questo limite

    47
    conto in banca Conto limite corrente

    Grazie alla digitalizzazione, ed a una tendenza che vede il denaro elettronico sempre maggiormente diffuso anche tra i piccoli risparmiatori e comuni cittadini, fare ricorso a strumenti finanziari come il conto in banca, libretti di risparmio e altre forme di metodologie atte alla gestione ed alla “conservazione” delle proprie finanze è molto più semplice rispetto al passato. Il ruolo delle filiali è infatti divenuto meno centrale e le banche, seppur sempre più influenti, non appaiono così “fisicamente” radicate, ma spesso fanno parte di gruppi anche molto estesi. Oggi avere il conto in banca è quindi più vantaggioso anche a fronte di una  maggiore trasparenza ma anche quello che evidenzia una natura gratuita deve per forza di cose avere delle condizioni e delle forme di limite.

    Conto in banca, ecco cosa succede se superi questo limite

    Quali sono questi limiti? In generale, dipendono dal tipo di conto che stiamo usando: spesso, quando si fa riferimento a conti online senza canone (cosa sempre più diffusa, proprio con il minor dispiegamento di ATM e filiali) questi presentano dei plafond  limitati a somme definite. Il termine plafond rappresenta l’importo limite di un fido bancario, sostanzialmente la quantità massima di denaro che è possibile mantenere sul conto. In linea di massima comunque non esistono limiti di importo che è possibile custodire sul proprio conto, proprio perchè lo strumento è assolutamente tracciabile e gestibile dallo Stato per delle eventuali verifiche, che invece diventano realtà se si effettuano troppi prelievi di contante: quest’ultimo è considerato una forma troppo “volatile” da gestire quindi somme mensili totali superiori a 10 mila euro portano la banca a ravvisare la dinamica presso l’Agenzia delle Entrate, che chiede ufficialmente spiegazioni al titolare.

    Diverso ma comunque presente e condiviso per tutti gli strumenti finanziari il limite legato all’imposta di bollo, una tassa statale che viene “scalata” in automatico una volta all’anno per ogni conto corrente, prepagata, libretto di vario tipo per le giacenze medie che superano i 5000 euro annui. L’importo è pari a 34.20 euro per le persone fisiche e 100 per le aziende.

    conto in banca limite