Quanto guadagna un avvocato? Ecco la risposta che sorprende tutti

64

Quali sono allora i motivi che stanno alla base della scelta della carriera lavorativa? Prima di tutto la passione. Ovviamente non si esclude la possibilità di avere ambizioni economiche, ma alla base dovrebbe esserci sempre l’amore per un determinato campo. Lo stesso vale per chi vuole diventare avvocato.

Dunque, in questo articolo parleremo dello stipendio medio di un avvocato in Italia, e quali sono i fattori che incidono in negativo e in positivo il suo stipendio.

Quanto guadagnano gli avvocati?

La maggior parte degli avvocati in Italia esercita come libero professionista. Ci sono due percorsi di carriera:

  • studio proprio, o associato.

  • e consulente, o collaboratore a Partita IVA.

Queste due tipologie di avvocati sono individuati con una retribuzione minima, ma altri professionisti che lavorano come dipendenti negli uffici legali di multinazionali o di banche, guadagnano sulla base del contratto applicato nel settore.

Il reddito netto mensile per gli avvocati che lavorano in proprio

Gli avvocati che esercitano in proprio e non superano i 45 anni di eta, hanno una retribuzione minima media che è inferiore ai 30.000 € lordi l’anno. Questo significa che in genere lo stipendio netto mensile dai 700 € ai 1.500 € al mese. Circa il 27% degli avvocati dichiara addirittura una una cifra inferiore o pari a 10.600 € all’anno.

La retribuzione dipende da vari fattori, come la zona dove si esercita la professione, i servizi svolti e, naturalmente, gli anni di esperienza.

Quest’ultimo fattore gioca un ruolo importante per il reddito degli avvocati, un po’ come molte altre carriere. Gli individui al di sotto dei 30 anni e che sono regolarmente iscritti all’Ordine sono coloro con il reddito più basso della categoria (meno di 10.000 € annui), ma non sono i soli. Lo stipendio piu’ basso tocca agli avvocati di ufficio neolaureati che possono aspirare a guadagnare fra i 500 € e gli 800 € al mese. La cifra si riduce per gli avvocati tirocinanti, che spesso sono costretti a lavorare in regime di rimborso spese o addirittura gratis. D’altro lato, gli avvocati con molti anni di esperienza e che vanno dai 60 e i 65 anni di età, dai nomi più o meno affermati, guadagnano le cifre maggiori, con una media di 77.000 € lordi annuali.

Il fattore che porta ai guadagni maggiori, come abbiamo visto, si basa maggiormente sugli anni di esperienza esercitati. Generalmente si tratta di una regola che vale per la maggior parte delle carriere lavorative.