Lire rare: ecco il valore ufficiale di tutte le monete del vecchio conio italiano

Le Lire ci hanno accompagnati fino all’inizio di questo millennio. E’ stato infatti all’alba del 2002, precisamente l’1 Gennaio, che l’Euro è diventata la nuova moneta ufficiale di tutto il continente e le Lire sono state a poco a poco scambiate nel nuovo conio. Era il 1860 quando la Lira è stata coniata per la prima volta.

A Firenze venne infatti coniata una moneta con la scritta “Lira italiana” e servirono semplicemente due anni per farla diventare unità monetaria del regno. Ai tempi il re era Vittorio Emanuele II e fu proprio lui ad unificare l’intero sistema monetario nazionale. Anche durante la Repubblica è rimasta come moneta ufficiale e, come abbiamo già sottolineato, è stata sostituita dall’euro proprio all’inizio del 2002.

In tutti questi anni sono state emesse tantissime monete e tantissime banconote. Tutte sono state largamente utilizzate e molte di queste, nel tempo, sono diventate veramente molto rare. In questo articolo andiamo a fare un riepilogo molto ampio di tutte le vecchie Lire di valore che oggi potremmo ancora trovare all’interno dei nostri cassetti o di vecchi portafogli.

Vecchie Lire: quali sono quelle che valgono di più?

Tutti noi abbiamo sicuramente avuto in mano, chi più chi meno, una moneta o una banconota che faceva parte delle Lire. Chi le ha utilizzate per gran parte della propria vita, chi invece le ha utilizzate poco ma ne ha sentito sempre parlare. Molte volte, ancora oggi, andiamo a calcolare le nostre spese in Lire.

Un euro, infatti, vale 1.936,27 Lire e per questo motivo spesso arrotondiamo e sottolineiamo, ad esempio, che una spesa di 50 euro sarebbe stata equivalente alle vecchie 100.000 Lire. Ma adesso viene il bello di questo articolo: scopriamo insieme quali sono le monete e le banconote che hanno aumentato il proprio valore e che possono farci guadagnare veramente tantissimi soldi.

1 Lira Arancia 1947

Iniziamo questo approfondimento parlando di una moneta che è stata coniata nel 1947. Si tratta di quella da 1 Lira e la riconosciamo facilmente perchè da un lato mostra una donna che è ornata con le spighe sulla testa e dall’altro abbiamo un ramo di arancio in frutto.

Quanto vale la moneta da 1 Lira Arancia del 1947?

Oggi questa moneta rara potrebbe valere una fortuna: se conservata in fior di conio, ovvero in condizioni perfette, può arrivare fino a 1500 euro.

2 Lire Spiga 1947

Anche in questo caso parliamo di una moneta delle vecchie Lire che è stata coniata nel dopoguerra. Si tratta di quella da 2 Lire e la riconosciamo perchè da un lato ha, così come il nome ce lo ricorda, una spiga mentre dall’altro lato vi è raffigurato un uomo con il proprio aratro.

Quanto vale la moneta da 2 Lire Spiga del 1947?

Se dovessimo trovare questa vecchia moneta tra le nostre cose potremmo guadagnare addirittura fino a 1800 euro. Va sempre sottolineato che queste devono essere in fior di conio, ovvero le condizioni devono essere ottimali e non vi devono essere segni particolari, macchie o altre problematiche evidenti.

5 Lire UVA del 1946

Continua la nostra avventura nel campo delle vecchie Lire e parliamo adesso di una moneta emessa nel 1946. Si tratta delle 5 Lire UVA che è stata la prima moneta con questo valore nominale coniata dalla Repubblica italiana. Riconoscerla è molto semplice dato che raffigura appunto un grappolo d’uva da un lato, mentre dall’altro lato abbiamo una donna con una fiaccola.

E’ stata realizzata in “Italma”, un materiale molto particolare, e misura 26,7 millimetri di diametro per un peso di 2,5 grammi. Proprio in quell’anno, ovvero nel 1946, è stata coniata una moneta di prova che per errore venne distribuita e per questo motivo ha preso molto valore.

Quanto valgono le 5 Lire UVA del 1946?

In base allo stato di conservazione questa moneta può arrivare a valere anche più di 1200 euro. Se si possiedono le versioni emesse tra il 1946 ed il 1947 in buono stato potremmo veramente guadagnare molti soldi.

5 Lire DELFINO del 1954

5 lire

Un’altra moneta rara che appartiene alle vecchi Lire è appunto quella da 5 Lire che è stata coniata nel 1954. In questo caso per riconoscerla avremo bisogno di trovare un delfino da un lato ed un timone dall’altro lato. E’ stata anche questa coniata in “Italma” ed il suo peso è di un grammo, mentre il diametro di 2 centimetri.

Quanto valgono le 5 Lire DELFINO del 1954?

Anche in questo caso dobbiamo andare a riconoscere lo stato di conservazione di questa moneta. Anche quando dovessimo avere un pezzo in condizioni perfette potremmo guadagnare fino a 15 euro ma se dovessimo avere tra le mani una versione emessa nel 1956 il prezzo potrebbe arrivare addirittura a 2000 euro.

Il motivo è dato dal fatto che quell’anno sono stati coniati veramente pochissimi pezzi. In forma ufficiale infatti sono state distribuite, nel 1956, solamente 400 mila monete da 5 Lire Delfino e per questo motivo il suo prezzo ha iniziato a salire a dismisura.

10 Lire rare: 1947, 1954, 1955

Proprio così. Le vecchie 10 Lire hanno preso un valore veramente molto importante e probabilmente sono tra le monete rare che valgono di più. Dobbiamo sempre sottolineare le varie annate comunque. Infatti hanno avuto tre diverse versioni. Nel 1947 è stata emessa la moneta da 10 Lire Olivo mentre nel 1954 quest’ultima è stata sostituita dalle 10 Lire Spiga.

Quanto valgono le 10 Lire rare?

Se tra le nostre mani abbiamo una moneta da 10 Lire del 1947, ovvero la versione “Olivo”, possiamo guadagnare fino a 4000 euro. Il prezzo inizia a scendere di anno in anno arrivando a quelle del 1954, con la spiga stampata sul retro, che valgono tra i 70 ed i 90 euro, mentre quelle del 1955 arrivano a costare intorno ai 20 euro.

20 Lire del 1956

Nel 1956 è stata coniata per la prima volta nella storia delle Lire italiane la moneta da 20 Lire ed è stata sempre con lo stesso disegno fino al passaggio alla moneta unica, l’euro. Il materiale ed il bordo di questa moneta sono invece stati cambiati negli anni passando da un bordo liscio ad un bordo rigato.

Quanto valgono le 20 Lire del 1956?

Se dovessimo avere tra le mani una moneta con la scritta “prova” potremmo guadagnare fino a 300 euro. Questa è quella emessa nel 1956, mentre se tra le mani abbiamo la moneta “prova” del 1968 allora il valore aumenta fino ad 800 euro.

50 Lire Vulcano del 1956

Anche questa moneta fa parte delle Lire rare. Riconoscerla è semplicissimo: troviamo infatti da un lato l’immagine di Vulcano nudo che sta battendo il metallo. Dall’altro lato abbiamo invece la testa coronata di quercia con la scritta “Repvblica Italiana”.

Quanto valgono le 50 Lire Vulcano del 1956?

Iniziano a scendere i valori di queste monete anche se potrebbe essere molto più semplice trovarne in casa più di una. Se dovessimo averla tra le mani potremmo guadagnare dai 90 ai 110 euro.